21 Aprile 2024 - ore 21.00

Programma

QUARTETTO PEGREFFI

EMMA PARMIGIANI, violino
INESA BALTATESCU, violino
MARIA GIULIA TESINI, viola
LORENZA BALDO, violoncello

Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791)
Quartetto per archi n.15 in re minore, KV 421
Allegro
Andante
Minuetto e trio. Allegretto
Allegro ma non troppo


Johannes Brahms (1833-1897)
Quartetto per archi in la minore, op.51 n.2
Allegro non troppo
Andante moderato
Quasi Minuetto, Moderato. Allegretto vivace
Finale. Allegro non assai

Una festa della forma classica

Questo concerto appare come manifesto della forma e della ricchezza, anche in termini quantitativi, che hanno innervato il tardo barocco fino al romanticismo classicista. Vivaldi, Bach, Mendelssohn: è un “trittico” di impressionante intensità e qualità d’invenzione. Antonio Vivaldi, veneziano, noto come Prete rosso, compose in vita oltre 500 concerti, oltre a 40 opere teatrali, musica sacra, decine di sonate è stato spesso visto come una “macchina” compositiva con tendenza alla ripetizione. In realtà i concerti di Vivaldi – così come ascoltabili nei due “gioielli” qui eseguiti – furono talmente originali e ben strutturati, ad un tempo, che il serissimo Johann Sebastian Bach ne trascrisse ben dieci.

Le quattro Suites per orchestra – BWV 1066/69 – possono essere considerate parte del testamento artistico della ponderosa produzione del Kantor e la n. 3 si distingue per magnificenza, portando a ben cinque le Danze strumentali precedute da un’Ouverture: Air, Gavotte I, Gavotte II, Bourrée, Gigue ma, soprattutto, perché l’Air è forse uno dei brani di musica classica più noti al mondo come “Aria sulla quarta corda”: si può dire del sublime in musica dove la funzione di intrattenimento diventa quasi spiritualità dei suoni. Se Bach ammirava Vivaldi, Mendelssohn era devoto a Bach. Enfant prodige in molte discipline, compose il Doppio Concerto a quattordici anni nel 1823, nel novero di una serie di “esercizi” per il “buon comporre” che includevano undici sinfonie giovanili. Virtuosismo e Pàthos, forma ineccepibile e vibrante espressione come in pochi altri, il Doppio Concerto rappresenta un vero matrimonio fra classicismo e Romantik.

Marco Maria Tosolini
Il programma
Sabato-20-Soldout
20 Aprile 2024
ore 21.00

NICOLA LOSITO, pianoforte
LARA BOSCHKOR, violino
CLAIRE WELLS, violino
KAROLINA ERRERA, viola
BENJAMIN KRUITHOF, violoncello

_Musiche di Schubert, Shostakovich, Glass

Domenicai-21-Soldout
21 Aprile 2024
ore 21.00

QUARTETTO PEGREFFI

_Musiche di Mozart, Brahms

22 Aprile 2024
ore 21.00

DINO SOSSAI, violino
MICHELE BOLLA, pianoforte

_Musiche di Liszt, Verdi, Tchaikovsky, Rimsky-Korsakov, Prokofiev

Martedi-23-Soldout
23 Aprile 2024
ore 21.00

LARA BOSCHKOR, violino
ERICA PICCOTTI, violoncello
NICOLA LOSITO, pianoforte

_Musiche di Haydn, Mendelssohn, Casella

Richieste di prenotazione

Il Salone del Parlamento viene concesso gratuitamente alla Fondazione pertanto l’ingresso è libero su prenotazione obbligatoria.

Le prenotazioni online per l’evento del 21/04/2024 sono state temporaneamente sospese a causa dell’elevato numero di richieste di prenotazione.

Organizzato da
In collaborazione con
Logo Comune di Udine